3

Ott

Stufo di navigare da solo? Niente paura c’è Weblin!

di Andrea Lazzarini in: applicazioni online , News Informatiche , Web

Prendete una pagina Internet qualunque, solita struttura arricchita da elementi consueti come la barra dell’indirizzo, la toolsbar del motore di ricerca di turno e tutti quegli elementi che, visto quanto usiamo il Web, ci passano sotto gli occhi talmente spesso che non ci facciamo più caso;ora arricchite questo familiare quadretto con (esattamente sulla barra degli strimenti)un omino alto 3 cm.

Lui è Weblin (anche se in realtà dovreste essere voi), o meglio, la vostra traccia virtuale. Il compito di questo simpatico alter-ego non è quello dell’omino graffetta di Word (tutorial, correggi errori etc.), ma è quello di segnalare agli altri utenti della rete che voi siete su quel sito e lo state visitando e, parimenti, se altri possidenti di Weblin sono su quel sito voi lo saprete.

WebLin
A che scopo tutto ciò?

L’idea che sta alla base di questo programmino d’invenzione tedesca è semplice quanto geniale: offrire a tutti un proprio “avatar” termine che, dopo l’ascesa di colossi come “SecondLife”, è di conoscenza comune e che rappresenta l’immagine virtuale dell’utente e dà un corpo alla sua presenza in internet;ma le analogie si fermano qui.Infatti, non è per entrare con un secondo io in un secondo mondo, ma semplicemente sarete voi con l’intera Rete a vostra disposizione come un’immensa chat e centro dei vostri interessi messi insieme. Per iniziare basta poco e dopo essersi collegati al sito www.weblin.com (consultabile anche in italiano!) e aver effettuato la registrazione potrete dirvi parte di una nutrita community con cui scambiare opinioni sul sito nel quale vi troverete a chiaccherare.

L’idea del team tedesco ha riscontrato parecchio successo tanto che diverse aziende hanno supportato l’idea: un’ esempio illustre è costituito dalla “nostrana” Lancia che, come molte altri, ha guadagnato in visibilità perché chi si iscrive attraverso il suo link sarà “sponsorizzato” dal celebre logo ricevendo un avatar accompagnato da community button con il marchio dell’azienda. Nel caso di aziende come Ibm,invece,la storia cambia. Essa, infatti, permette ai dipendenti di usare Weblin all’interno dell’azienda come sistema di comunicazione interno: tale convenzione “incolla” sugli avatar dei dipendenti un bollino che rappresenta l’azienda.

Gli utenti lo porteranno con sé, gratuitamente, in giro per il web. Un avatar e pure griffato,che volete di più!
Scherzi a parte, vale almeno la pena d’informarsi,no?

Tag: applicazioni online, News Informatiche, weblin

Lascia un Commento!

jump2top free wordpress themes