Sembra che Microsoft si stia finalmente preparando a lanciare il concorrente di Google Docs, Zoho Office e Thinkfree Office. Circa un anno dopo aver lanciato Office Live Workspace,che si presentava come un servizio utile alla gente per scambiare e commercializzare documenti creati usando applicazioni del desktop, Micro-soft ha annunciato di aver dato vita ad un progetto riguardante delle versioni per il web di Excel , Word e Powerpoint.

Le applicazioni di Office Web, secondo quanto si dice, saranno versioni più leggere delle applicazioni “da desktop”. E sembra che Microsoft offrirà due tipi diversi di servizi, una per gli utenti “base” e l’altra per gli utenti business.

Excel Online

La nuova versione di Microsoft Office includerà l’abilità di sincronizzare i documenti sul web per avere un accesso rapido ovunque ci si trovi. Con questa operazione Microsoft sembrerebbe aspettarsi dai con-sumatori che continuino a pagare per le versioni off-line di office. Inoltre, sorge il legittimo dubbio che la compagnia possa inserire nelle future versioni del pacchetto Office  speciali caratteristiche a cui si potrà
accedere solo se in possesso della versione da pc.

Nel caso non l’abbiate sentito, Microsoft ha officialmente tolto il sipario su Windows 7. Sono state revisionate e migliorate alcune caratteristice come  la Windows taskbar, la visualizzazione delle finestre e mostrata la Windows Media Center Interface.

Windows Media Center, per chi non lo sapesse, è una applicazione che potrà esservi utile con la musica, i film, le foto e la live-Tv (ovviamente se il vostro pc è predisposto. che utilizza un’interfaccia di 10 piedi anzichè quella tipica da 3 piedi. In altre parole, potrete letteralmente “stravaccarvi” sul divano e guardarvi i vostri film preferiti usufruendo di questo utile programma, con un telecomando wireless o la tastiera alla mano, senza che vi ritroviate a strizzare gli occhi per vedere lo schermo.
 

Windows 7

Windows Media Center Interface include un numero notevole di cambiamenti:

  • Nuovi Font nel menù “Start” fanno si che possiate vedere un più ampio numero di oggetti sul diplay che pnelle versioni precedenti avevavno poco spazio alla visualizzazione.
  • Il lettore musicale mostra miniature molto più larghe che in Windows Vista.
  • Se non avete un album di artwork reperibile, Windows Media Center crerà sfondi colrati per i vostri album.
  • Un modo molto più dettagliato di visualizzazione delle informazioni dei video, album o foto…in un unica finestra!
  • The new “Turbo Scroll” feature lets you scroll through large music libraries much faster by holding down your left or right remote control buttons. Turbo Scroll also works when browsing the TV listing menu.
  • h.264 video playback è supportato
  • La Tv è “cliccabile” e vi da la possibilità saltare ad un particolare punto nel video.
  • Non vi basta? Vi aspettiamo fedeli con i prossimi aggiornamenti!

    Se avete seguito le vicissitudini dei poveri internauti cinesi saprete senz’altro che la loro navigazione è fortemente limitata dal regime vigente in Cina: non ci credete? Allora provate a scaricare the China Channel plug-in per Firefox.

     

    Image and video hosting by TinyPic

     Questo prodotto ricreerà sullo schermo del vostro pc la spiacevole situazione di fronte alla quale si trova l’utente standard cinese. Il maestoso “Firewall delle restirizioni” si materializzerà sotto i vostri occhi limitando il vostro potere di “rierccatore virtuale”.

     

     L’unica consolazione è che molti termini incriminati possono sfuggire al controllo del “grande-cinefratello” con semplici operazioni. Perché dovreste scomodarvi a fare tutto questo? Non esiste un motivo particolare….Curiosità, sensibilizzazione, noia…fate voi!

    29

    ott

    Microsoft presenta: Azure !

    di Davide Spadone Whirly2481 in: Microsoft

    Microsoft ha svelato un nuovo servizio informatico che consentirà alle aziende di servirsi dei data center per utilizzare applicazioni web, nel tentativo di diventare uno dei protagonisti nel campo di una nuova tendenza chiamata “cloud computing”  prenderà il nome di “Windows Azure”, una piattaforma che consentirà a sviluppatori esterni del web di ospitare, gestire, calcolare e archiviare dati per applicazioni su Internet.

    Image and video hosting by TinyPic
    Ray Ozzie, capo dell’architettura software di Microsoft,, sta guidando l’ingresso dell’azienda nel “cloud computing,” una tendenza che consente di potenziare i computer facendo ricorso a data center lontani, grazie a Internet.


    Per tradizione il software gestiva l’hard drive di un singolo computer ma da quando le connessioni Internet sono diventate più veloci e affidabili, le aziende hanno iniziato a distribuire il software come servizio online usando la potenza di elaborazione della “nuvola” (cloud), una rete di server potenti accessibili attraverso il web. Il successo di aziende basate sul web come Google e Salesforce.com nel creare applicazioni web concorrenti a Microsoft ha costretto l’azienda a intraprendere una strada nuova nella diffusione del suo software.

    Con il fenomeno in costante espansione, la questione copyright è diventata basilare. La tecnologia ha reso facili operazioni come copiare, modificare, scambiare informazioni, d’altro canto parliamo di testo, immagini, audio e video.

    Il problema è che la maggioranza delle persone non ha idea di come funzioni il Copyright in tema di web, facendo incorrere gli utenti in rischi che possono anche sfociare nell’illegale.

     

    Ecco una lista di 12 cose da fare e non fare per ovviare a questi scomodi rischi:

     

    DA FARE

     

    • Usate materiale di pubblico dominio: siete liberi di usare ogni tipo di materiale di pubblico dominio. Questo include documenti governativi, materiale prodotto prima del 1923 e materiali prodotto prima del 1977 poiché decaduto il termine di cmpyright.
    • Citate qualcosa d’interessante: La citazione di fatti che ha come proponimento la crtitica, il commento o l’aggiornamento sono considerati di libero utilizzo.
    • Usate “fatti” o “idee”: La legge protegge le idee e i fatti ( nel senso di cose accadute e di comprovata esistenza).
    • Usate materiale che non sia soggetto a Copyright: a parte i fatti e le idee ci sono altre classi di materiali che non possono sottostare alla legge del Copyright. Questo materiale include nomi, simboli di uso comune, liste d’igredienti, slogan e procedure tecniche, ecc.
    • Usate il nome di una compagni o il logo di quest’ultima se ne state parlando: il “marchio” protegge qualsiasi compagnia dale azioni che possono “rubarne” l’utilizzo del nome  o del logo. Se state analizzando o criticando una compagnia potrete nominare e mostrare il logo senza pericolo.
    • Usate il nome di una compagnia sempre separata dal vostro dominio: Potrete parlare di una compagnia per quanto e quando volete purchè non vi facciate passare per un portavoce della stessa o parliate di una presunta relazione tra quest’ultima e il vostro dominio che in realtà non esite.

     

     

    29

    ott

    Tutti noi sappiamo che le estensioni .com o .it sono sempre le migliori vie per commercializzare o semplincimente “contenere” un sito web. Se il contenuto del vostro sito ha carattere educativo potrà andare più che bene anche un dominio .edu, e molte persone preferiscono assumere il target tipico del proprio paese come .co.uk, ma per gli altri casi domini come il .com rappresentano sicuramente il non plus ultra.

    Sfortunatamente trovare un buon e, soprattutto, disponibile dominio .com di questi tempi sembra una vera chimera; ecco perché molti utenti si affidano ai domini .net e .org. Solitamente, infatti, solo le versioni .com dei domini che la maggior parte degli utenti vuole ottenere è già preso ma vi sono ancora buone possibilità che sotto .net e .org vi siano ancora possibilità. In questo caso, quale pensate sia meglio?

     

    Badate bene quello che vi stiamo chiedendo non è una valutazione in base al vostro gusto personale, ma più che altro una valutazione fatta in termini di fiducia.

    Supponiamo che dobbiate cercare su google la parola “videogame”. Se ci fossero solo due risutati, rispettivamente : videogame.net e videogame.org. Quale scegliereste?

    Secondo alcuni sondaggi il “preferito” sarebbe il dominio .org…E voi che ne pensate?

    Parliamoci chiaro: questa piccola guida dal nostro punto di vista potrebbe chiamarsi prendere il titolo di “ Come fare del vostro sito un sito di successo!”, vien da se che leggere questo post vi sarà molto utile ;-)

     
    Continua a leggere il post

    28

    ott

    Gmail Mobile Version: ecco le novità

    di Davide Spadone Whirly2481 in: Google

    La versione di Gmail per cellulare ha avuto degli interessanti updates in questi giorni. Ora potrete scrivere, mandare email anche quando non c’è copertura internet; quest’ultime rimarranno in attesa una nuova copertura di rete e, quindi, automaticamente inviate. Essenzialmente questa opzione è riconducibile ad una delle funioni che fino ad ora erano proprie dell’invio delle email tramite Blackberry.


    Gmail Mobile


    Il nuovo
    Gmail for Mobile farà in modo che i vostri smart-phone possano avere le stesse possibilità e potenzialità del famoso Blackberry.

    Oltre al supporto Offline, Gmail ha aggiunto altre novità. La più rilevante è l’abilità di attivare più account Gmail/Google dal programma setsso. Ci sono anche dei “comandi veloci” che vi possono aiutare a velocizzare i tempi di accesso alle applicazioni.

    Come vedrete nel video seguente ( in inglese) , il supporto off-line sarà utilissimo per gli utenti che hanno il problema di una linea internet discontinua:

     

    [http://www.youtube.com/watch?v=ykbMU58W08k]

    28

    ott

    123 people, un nuovo motore di ricerca!

    di Davide Spadone Whirly2481 in: Senza categoria

    123people è un motore di ricerca che rimasto in  forma “privata” fino a Febbraio di quest’anno. In origine la “sperimentazione” di 123people era prevista solo per l’Europa, ma la compagnia promotrice  ha deciso di aprire le porte al mondo e ha lanciato ha dato il via anche agli utenti statunitensi da pochi giorni.

    Seguendo i vari passaggi pubblicati da siti come Spokeo e Wink, 123people reperirà diverse informazioni una grande varietà di siti web. Molti di queste saranno informazion, come per  Flickr , pubbliche ma altre informazioni possono provenire da fonti più “private” come quelle visibili in siti come Facebook.

     

    Search

     

    123people attinge dalle fonti più disparate, oltre che da siti “modiali” come Google, Flickr, Facebook, YouTube, si estende a  indirizzi email, numeri di telefono, profili LinkedIn, Myspace, Friendster, Last.fm, ZoomInfo, Blogger e molti altri.

    Altre nuove fonti incudono biografie, le news da canali importanti come CNN, The New York Times, the Wall Street Journal e USA Today. Il programma estrae il vostro profilo instant messenger da AIM, la vostra biografia da Twitter e scegli i maggiori motori di ricerca e non solo Google. L’ammontare d’informazioni che 123people riesce ad elaborare non ha rivali in rete, potrete considerarlo come un vero e proprio “investigatore privato della rete”! Molti usano questo motore di ricerca per trovare vecchi amici e colleghi…Un  pozzo di scienza e di “conoscenza”!

    28

    ott

    Service Pack 2 per Vista?

    di Davide Spadone Whirly2481 in: Microsoft , Windows Vista

    Mentre tutti attendo con impazienza di vedere materializzato davanti ai loro occhi Windows 7, protagonista assoluto dell’odierna Professional Developers Conference , Microsoft si è detta pronta a consegnare la prima beta del Service Pack 2 per Windows Vista ad una stretta cerchia di fortunati.

     

    Windows VIsta

    Microsoft distribuirà la beta del SP2 per Vista ai partecipanti del Technology Adoption Program (TAP) il prossimo mercoledì il suo scopo? Quello di verificare la qualità di questa release prima dell’avvio del processo di beta testing vero e proprio, che coinvolgerà un numero decisamente più grande di persone e di partner.

    La data di rilascio definitiva del SP2 per Windows Vista sarà determinata in base alla qualità, ossia prima di stabilire una data finale, verranno raccolti e valutati i feedback dei clienti e partner Microsoft.