Tutti gli articoli su "Microsoft"


microsoft-illumiroom-cropped-proto-custom_28
Direttamente dal Ces 2013 ecco la novità proposta da Microsoft e Samsung: IllumiRoom. Le due aziende hanno stretto un’inedita collaborazione che pare abbia avvicinato le due società. Stiamo parlando una tecnologia innovativa che integra due prodotti delle rispettive case per proiettare immagini e colori su pareti e nei dintorni della TV dove si gioca.

Continua a leggere il post

Jailbreak-RT

Chi è cliente Apple e da sempre utilizza prodotti iOS e si tiene almeno informato sul mondo di Cupertino conosce benissimo la parola jailbreak: si tratta della ben più semplice “modifica”, come si era soliti chiamarla per le console videoludiche, che permette l’installazione di app tramite Cydia, un pannello di amministrazione che emula l’App Store e permette l’acquisto, a titolo totalmente gratuito, di applicazioni per dispositivi Apple. Ovviamente non stiamo parlando di cose legali, per questo la lotta al jailbreak è sempre stata importante sia dal punto di vista legislativo che dal punto di vista di violazione del copyright. Nel caso in cui, però, il jailbreak venisse usato soltanto per aggirare la chiusura del mercato della Mela si potrebbe parlare di altri cavilli burocratici. Ora anche Microsoft si prepara ad affrontare il problema.

Continua a leggere il post

Messenger-Skype

Windows l’aveva annunciato qualche giorno fa, e precisamente lo scorso novembre aveva confermato che le intenzioni di mandare in pensione Windows Live Messenger erano tante. La prima motivazione è esclusivamente mossa dalla necessità di puntare su Skype, che oramai, dopo l’acquisto da parte dell’azienda di Redmond, è diventato tra i prodotti di punta: le chiamate Voip e anche le nuove interfacce, molto più minimaliste e più immediate, oltre che l’implementazione con Facebook, hanno migliorato di gran lunga la gestione del programma.

A breve un’email da parte di Redmond sarà indirizzata a tutti gli utenti Messenger che riceveranno la data dell’ultima attività del programma: il 15 marzo 2013. Quel giorno Windows Live Messenger sarà spento definitivamente e oltre 100 milioni di utenti saranno costretti a dire addio a un compagno di tante avventure, tante chattate e tante persone nuove conosciute. Tutti dovranno migrare su Skype per sincronizzare, poi, tutti gli account che erano presenti sul Live Messenger, così da mantenere un solo programma di messaggistica istantanea con due all’interno. Messenger continuerà a funzionare soltanto in Cina, dove resterà attivo per qualche altro mese: non è stata ancora comunicata una data precisa per l’estinzione dell’applicazione, ma a breve anche in Asia riceveranno la data ultima definitiva.

[Via]

Continua a fare piazza pulita intorno a sé Google con le sue Mappe. Era stato escluso da iOS 6 e quindi da Apple, che aveva deciso di affidarsi al proprio sistema esclusivo, tornando poi sui suoi passi permettendo all’azienda di Mountain View di pubblicare l’app sull’App Store, e ora Google Maps verrà tolto anche da Windows Phone. Lo smartphone che monterà il sistema operativo dell’azienda di Redmond ha ricevuto un forte attacco da parte di Google, che vorrebbe boicottare completamente il sistema operativo.

Ad accorgersi di questo blocco sono stati degli utenti che hanno subito segnalato un problema di compatibilità con Google Maps tramite Internet Explorer 10. Il non poter usufruire di questo servizio porterebbe, ovviamente, malcontento tra gli utenti Microsoft, che potrebbero decidere di non utilizzare più in primis Internet Explorer, un browser che già ha diversi detrattori sul web.  Allo stesso tempo, però, dovesse essere confermata questa scelta di Google ci troveremmo dinanzi a una realtà abbastanza scorretta e sleale da parte dell’azienda di Mountain View che commetterebbe una mossa non del tutto apprezzabile. Ugualmente vi ricordiamo che Google non ha ancora pensato a un’applicazione mobile di YouTube per Windows Phone, aumentando, quindi, le teorie che lo vorrebbero in assetto da battaglia con Microsoft.

[Via]

Lo scorso novembre Steven Sinofsky, capo della divisione Windows e anche uno dei più attenti responsabili dello sviluppo di Windows 7, Windows 8 e Surface, il primo tablet dell’azienda di Redmond, aveva lasciato l’azienda di Bill Gates per guardare oltre il proprio orizzonte. Sinofksy non è sicuramente rimasto con le mani in mano e si è subito lanciato nel mondo dell’informatica con una nuova iniziativa: si tratta del blog Learning by Shipping, uno spazio dove si possono offrire delle riflessioni e prospettive in merito alla gestione dei prodotti di qualsiasi tipo e genere.

Lavorando in Microsoft è inevitabile che Sinofsky non abbia raccolto una grande esperienza nel campo di vendita e gestione dei prodotti, pertanto adesso, ricordando anche i periodi di sviluppo di Bing e Internet Explorer, l’ex supervisiore dell’azienda di Redmond vuole preoccuparsi di potenziare la conoscenza dei più riguardo gli aspetti più importanti della produttività. Senza, però, fornire dettagli legati ai suoi precedenti lavori e senza andare contro le regole di non divulgazione di alcuni argomenti critici, Sinofsky eviterà anche di parlare perché ha lasciato il suo posto alla Microsoft, che lo vedeva comunque vestire il ruolo di product manager. Non si farà alcun riferimento, quindi, al suo precedente lavoro e si concentrerà esclusivamente  su un nuovo lavoro di consulenza gratuita tramite il proprio blog.

[Via]


Secondo i dati rilasciata da Net Application, pare che il 2012 sia stato l’anno che ha determinato una crescita elevata in termini di sistemi operativi Windows. Sopratutto Seven e la nuova versione 8 sono state molto apprezzate rispetto a OSX e Linux.

Continua a leggere il post


A quanto pare le politiche aziendali di Dell stanno per cambiare, infatti, l’azienda non sembra più interessata ad Android. Un sistema operativo sicuramente innovativo ma che richiede molti investimenti per avere successo e l’azienda statunitense non ha più voglia di investire su Android.

Continua a leggere il post

Nei giorni scorsi era stato reso noto della volontà di Apple e Google di voler acquistare i brevetti della Kodak: per la precisione parliamo di 1100 brevetti con un’offerta congiunta di 500 milioni di dollari da parte delle due aziende. Approfittando quindi della situazione poco felice dell’azienda fotografica, che oramai viaggia verso il fallimento, tra Cupertino e Mountain View si era creato questo collegamento per l’acquisto. Ora, però, c’è da fronteggiare un terzo incomodo che potrebbe far nascere un triangolo pericoloso.

Anche Microsoft, infatti, è interessata all’acquisto dei brevetti della Kodak e stando a quanto emerso nel corso delle ultime ore sui brevetti della Eastman Kodak Company è pronta a mettere le mani anche la casa di Redmond. I brevetti verrebbero utilizzati per la cattura, per la manipolazione e per la condivisione di immagini digitali, per i propri Windows Phone, che stanno continuando a conquistare, anche se lentamente, una fetta di mercato di telefonia mobile. al momento però Microsoft non vuole assolutamente condividere l’acquisto con Google e Apple, anzi vorrebbe procedere ad acquistare il pacchetto in solitaria, così da poter avere un’esclusiva e mettersi in gioco da sola. L’investimento sarebbe decisamente importante, ma supponiamo che il ritorno possa esserlo altrettanto.


Molti si chiedono per quale motivo Microsoft Surface abbia delle vendite scarse. Stiamo parlando del prodotto presentato ufficialmente dall’azienda più famosa al mondo per prodotti informatici e che risulta disponibile in commercio ormai da qualche mese.

Continua a leggere il post


Nonostante Apple continui a essere l’azienda leader dei computer touch screen, grazie alla popolarità di Windows 8, la vendita dei computer touch screen è in continuo aumento. Dall’ormai lontano 26 ottobre, quando fu presentato per la prima volta il nuovo sistema operativo Windows 8, sono state vendute 40 milioni di licenza, senza parlare di tutte le persone che hanno installato Windows 8 sul pc.

Continua a leggere il post

jump2top free wordpress themes