17

Ott

Google chiude Buzz, è ora di Google+

di Domenico Puzone in: Aziende , Google

 

Buzz è di certo un insuccesso per Google, un insuccesso che vale tanto e che è poi stato rimediato grazie a Google+. Da Google arrivano le notizie della chiusura del social network che di certo non vanta miliardi di utenti come Facebook, Twitter o il nuovo Google+.

La società di Mountain View ha annunciato agli utenti che dopo anni di insuccessi, e dopo che gli obiettivi prefissati non sono stati raggiunti, è arrivato il momento di chiudere Buzz. Com’era già successo in passato con Wave, eh si Google c’ha provato più volte con i social network, non ha mai avuto grande successo tra il pubblico Buzz, gli internauti hanno sempre preferito le alternative offerte da Facebook, MySpace e Twitter.

Con l’avvento di Google+, e finalmente il successo sperato avuto da Google nel campo delle reti sociali, la società di Mountain View può chiudere Buzz e integrare i servizi ( la maggior parte già sono stati integrati) all’interno del nuovo social network. L’ultima crezione di Google, il famoso Google plus, vanta circa 40 milioni di utenti, ma ultimamente pare che sta soffrendo un drastico calo di visite e di utilizzo ( la gente a quanto pare preferisce ancora Facebook).

Ed è forse per via di questo calo drastico di visite e di utilizzo che ha deciso di chiudere Buzz per concentrarsi sul nuovo social network, a quanto pare molto più interessante dei precedenti tentativi, ma pur sempre secondo ( almeno in preferenza ) a Facebook.

Tuttavia staremo a vedere cosa farà ora Google per riportare e invogliare gli utenti a riutilizzare Google+.

Tag: buzz, google

Lascia un Commento!

jump2top free wordpress themes