16

Nov

Steve Jobs e le SIM virutali

di Domenico Puzone in: apple , Aziende

Steve Jobs era un grande innovatore, un genio che sorprende tutti ogni giorno che passa, anche dopo la sua morte avvenuta lo scorso 5 di ottobre. L’ultima, quella che ora sta circolando sul web pare sia un’idea che gli venne in mente prima di creare iPhone.

Mr. Steve Jobs aveva intenzione di fare di Apple un operatore telefonico internazionale, in modo da gestire completamente l’esperienza utente del cliente della società di Cupertino, dall’acquisto del cellulare alla scelta del telefonino adatto a lui. L’idea di Steve Jobs era quella di sfruttare le reti Wi-fi per poter creare un nuovo operatore telefonico marchiato dalla Apple.

L’idea fu accantonata, ma non dimenticata, nel 2007 quando arrivò il primo iPhone, quella creazione mise da parte un po’  l’idea di un operatore telefonico, ma il pallino nella mente di Steve Jobs rimase, tant’è che nei giorni scorsi si è parlato di SIM virtuali all’interno di iPhone 5.

Ed è proprio SIM virtuali  che Steve e Apple volevano creare, anzi che ora Apple vuole creare in quanto pare che il prossimo dispositivo della società di Cupertino avrà questo tipo di tecnologia installato al suo interno. Ricordiamo comunque che Jobs rivoluzionò un po’ il campo tecnologico degli smartphone, imponendo alle società telefoniche di non apporre loghi delle società  sul dispositivo, costringendoli anche a versare una percentuale del guadagno ricavato da abbonamenti di iPhone.

Ora, dopo la morte dell’ex amministratore delegato di Apple, la società di Cupertino sta lavorando all’idea lasciata da Steve Jobs, pare dunque che le SIM virtuali un giorno esisteranno.

Tag: apple, steve jobs

Lascia un Commento!

jump2top free wordpress themes