24

Feb

Facebook: così funziona la censura

di Domenico Puzone in: Aziende , Facebook

Molte volte è capitato che su Facebook abbiamo messo un contenuto e all’improvviso quest’ultimo è stato tolto, senza avviso e senza nessuna motivazione valida, ora scopriamo come funziona la censura sul sito bianco blu di Mark Zuckerberg (attualmente il giovane più ricco al mondo ).

Le ultime notizie e gli ultimi studi, perché di studi si tratta, svelano che la censura di Facebook funziona in modo molto particolare. Intanto la società che si occupa della moderazione è la oDesk, e tramite un loro documento trapelato online, non si sa come, vengono svelati tutti i misteri.

Le categorie censurabili su Facebook sono nove e sono divise in altre categorie inferiori , andiamo a vedere di cosa si tratta : “ Sesso e nudità’, ‘Uso illegale droga’, ‘furto, vandalismo e frodi’, ‘messaggi di odio’, ‘blocco IP’, ‘automutilazione’, ‘immagini forti’, ‘bullismo e assalto’ e infine ‘minacce credibili’.

Fra le cose più strane si trova anche il divieto di pubblicare fotografie di allattamento dei bambini, soprattutto se il seno è in bella vista. Questa norma in passato ha destato parecchie proteste. Ci sono, tra le leggi curiose anche blocco di foto di persone che usano il wc, immagini di photoshop che mettono in cattiva luce il soggetto e tanto altro ancora.

Facebook non gradisce nemmeno foto di universitari ubriachi con il volto disegnato, insomma di cose curiose ce ne sono. Vengono censurate, sul social network anche frasi come ‘voglio morire’, ‘ mi uccido’ e via dicendo.

Queste sono più o meno i criteri di censura del sito più popolato al mondo, attualmente Facebook vanta 850 milioni di utenti al mondo ed ha assegnato la moderazione ad una società esterna che pare sia dislocata in paesi in via di sviluppo.

Tag: censura, facebook, regole

Un Commento su “Facebook: così funziona la censura”

  1. 25 febbraio, 2012, 00:17

    Più che censura io la chiamerei regolamentazione: evitare post inutili e volgari! Anche se facebook è fatta dalla comunità e dai propri gusti personali un pò di regole non guasta mai! Se no potrebbe diventare facilmente un sito di scambio di coppie:P

Lascia un Commento!

jump2top free wordpress themes