24

Mag

Facebook bloccato in Pakistan

di Sara Papis in: Facebook , Intrattenimento , Social Network

Il social network più famoso del mondo continua a generare caos. Questa volta succede in Pakistan, dove è stato deciso di bloccare per un mese questo servizio popolare. La decisione arriva proprio dalla Corte Costituzionale che ha imposta la chiusura momentanea di Facebook.
Ma quale sarà il motivo che ha fatto scattare questa azione? Pagine fan che incitavano a pubblicare immagini di Maometto. Una cosa assolutamente proibita dal Corano, infatti, a differenza della nostra religione, quella Musulmana vieta che qualsiasi immagini divina sia pubblicata in giro.
Tornando al discorso della piattaforma sociale più utilizzata al mondo, era comparso un gruppo che promuoveva il 20 maggio come giornata del “ Tutti disegnino Maometto” nato come provocazione ad un gruppo estremista musulmano che aveva minacciato i creatori del noto cartone South Park per una puntata nella quale appariva un Maometto animato vestito da orso.
Un gruppo anticonformista che voleva dimostrare di non temere niente e nessuno, ma questo atteggiamento ha scatenato il caos generale e in poco tempo la pagina non è stata resa più funzionante.

Non contenti alcuni avvocati hanno fatto ricorso alla Corte Suprema. Quest’ultima considerando Facebook colpevole di non aver bloccato la pagina “pro-immagini” raffiguranti Maometto fin da subito, ha fatto in modo che l’intero sito di Facebook, fosse oscurato in tutto il Pakistan fino al 31 maggio. Come verrà risolta la questione? Bloccare il servizio a tutti, anche a quelle persone che non centrano nulla sembra davvero una mossa esagerata.

Tag: facebook, Pakistan, Social Network

Lascia un Commento!

jump2top free wordpress themes